Bhutan fotografico

Price
Price
25 settembre 2017

Proceed Booking

Save To Wish List

Adding item to wishlist requires an account

15
  • Giorno 1 – 04/03
  • Giorno 2 – 05/03
  • Giorno 3 – 06/03
  • Giorno 4 – 07/03
  • Giorno 5 – 08/03
  • Giorno 6 – 09/03
  • Giorno 7 – 10/03
  • Giorno 8 – 11/03
  • Giorno 9 – 12/03
  • Giorno 10 – 13/03
  • Giorno 11 – 14/03
  • Giorno 12 – 15/03
  • Giorno 13 – 16/03
Partenza da Milano con volo Etihad via Abu Dhabi, cena e pernottamento a bordo.
Arrivo a Katmandu, trasferimento in hotel 4*; pomeriggio libero, cena libera e pernottamento.
Colazione in hotel, trasferimento in aeroporto per il volo su Paro, arrivo e trasferimento in hotel, pranzo in ristorante; al pomeriggio prima visita della città tra cui il Rinpong Dzong ed il Palazzo Nazionale. Cena e pernottamento in hotel 3*.
Colazione, partenza alla volta di Thimphu (circa 1 ora), visita del tempio di Chang Gangkha e pranzo in ristorante. Visita del mercato settimanale e alla sera del Thimphu Dzong. Cena e pernottamento in hotel 3*.
Colazione, giornata dedicata alla visita di Thimphu iniziando dal Tango Monastery (circa 45 minuti di cammino per tratta) passando poi per il Pangri Zampa, l’istituto di astrologia. Pranzo in ristorante. Pomeriggio libero. Cena e pernottamento in hotel 3*.
Colazione, partenza alla volta di Phobjikha (circa 5 ore e mezza), visita durante il tragitto di Chimi Lhakhang (mt. 1200), pranzo in ristorante. Cena e pernottamento in hotel 3*.
Colazione, visita del Gangtey Monastery, pranzo in ristorante e trasferimento a Punakha con soste per la visita di alcuni villaggi sulla strada. Cena e pernottamento in hotel 3*.
Colazione e partecipazione alla prima giornata del festival “Tsechu” con le sue danze religiose in maschera, pranzo in ristorante, cena e pernottamento in hotel 3*.
Colazione, rientro a Paro (circa 3 ora e mezza), stod a Thimphu per il pranzo in risotrante. Cena e pernottamento in hotel 3*.
Colazione, salita a piedi per la visita del monastero Taktsang, pranzo in ristorante, visita di Drugyel Dzong & Kichu Lhakhang. Cena e pernottamento in hotel 3*.
Mattino presto partenza per l’aeroporto per il volo di rientro a Katmandu, arrivo e trasferimento in hotel 4*, pranzo libero; pomeriggio dedicato alla visita guidata della città. Cena libera e pernottamento.
Colazione, giornata libera per visitare la città fino al momento del trasferimento in aeroporto per il volo di rientro in tarda serata.
Arrivo in Italia

Quota individuale di partecipazione da Euro 2.595,00 – base 8 partecipanti

 
Supplemento camera singola su richiesta
Tasse aeroportuali Euro 325,00 (da riconfermare all’emissione del biglietto)

“Per ogni partecipante devolveremo Euro 25,00 all’associazione Amici del Bhutan al fine di sostenere alcuni dei loro progetti in corso nel paese”

 

Prenotazioni entro il 07/01/2014.

 

La quota comprende: volo Etihad da Milano, 2 notti a Katmandu in hotel 4* in base camera doppia con prima colazione, visita mezza giornata a Katmandu con guida parlante inglese, trasporto in bus durante il tour in Bhutan, guida locale parlante inglese, sistemazione in hotel 3* sup. in base camera doppia con colazione e cena, pranzi in ristoranti, ingressi e visite come da programma, la procedura di ottenimento del visto in Bhutan, assicurazione medico/bagaglio di base.

 

La quota non comprende: le tasse aeroportuali, le bevande, le mance, il visto per il Bhutan Euro 35,00, il visto di entrata in Nepal (si ottiene in loco pagando USD 25,00), l’assicurazione annullamento facoltativa, gli extra personali e tutto quanto non indicato alla voce la quota comprende.

Al fine di evitare il turismo di massa, in Bhutan il turismo è regolamentato direttamente dal governo che decide i prezzi giornalieri minimi stabilendo due categorie di sistemazione alberghiera, il nomi degli hotel vengono assegnati direttamente da loro in base alla disponibilità al momento della prenotazione.

I voli interni sono operati da un’unica compagnia Bhutanase – la Druk Air – che si riserva il diritto di cancellare i voli anche sotto data in caso di non sufficiente riempimento, per questo motivo è necessario uno stop in andata e uno prima del ritorno a Katmandu.

Il visto viene rilasciato dalle autorità d’immigrazione solo ad avvenuto saldo completo del viaggio e del volo interno con la relativa emissione del biglietto, le procedure possono richiedere fino a 3-4 settimane.

Per essere in grado di avere l’assegnazione degli hotel migliori e di rimanere nei tempi di emissione dei biglietti e del visto viene sempre richiesto il saldo completo del viaggio almeno 2 mesi prima dell’arrivo in loco.

Per l’emissione dei biglietti interni e la richiesta del visto in fase di prenotazione occorre farci avere copia scannerizzata del passaporto, 1 foto digitale ed un formulario compilato (che forniremo noi).

Clima

In generale il Bhutan gode di un clima mite tutto l’anno. Ci sono due stagioni principali: quella secca e quella dei monsoni.La stagione secca va da metà ottobre a fine maggio-inizio giugno. Le precipitazioni sono scarse e la vista sulle montagne è stupenda. L’autunno è il periodo ideale per viaggiare nel paese, quando le temperature sono ancora calde di giorno e fresche la sera.

Da dicembre a fine febbraio le temperature scendono, anche se mai sotto lo zero, e durante la giornata, se soleggiato, si sta anche in maniche corte. In montagna le notti sono fredde e i passi possono essere bloccati dalla neve per qualche giorno. Ma è un ottimo periodo in cui fare trekking per la poca gente sui sentieri, le valli innevate e la gente di montagna che ha più tempo per chiaccherare con i turisti. Da marzo a maggio le temperature salgono notevolmente, e in aprile e maggio l’afa, in certi giorni, è notevole nelle valli basse. Marzo in particolare è bello con la fioritura dei rododendri che rende le vallate alte coloratissime. La stagione delle piogge inizia a metà giugno circa e finisce a fine settembre-inizio ottobre. Le regioni Sud e Ovest del paese sono quelle più interessate dalle piogge, mentre gli altopiani delle valle di Laya per esempio, risentono molto meno del monsone. Questo è un ottimo periodo per godersi di più le valli basse, visitare i villaggi e le città storiche, circondate da risaie e campi in piena esplosione di colori.

 

Vestiario suggerito

Le seguenti informazioni sono per viaggi che non includono altitudini superiori ai 3000 metri o attività <sportive che richiedono abbigliamento ed attrezzatura specifica. Quindi un abbigliamento per un viaggio diciamo “normale”.Generalmente poco adatti per un viaggio sono pantaloncini corti, gonne sopra il ginocchio e canottiere che sono considerati in generale abbigliamento “provocatorio” e sconsigliati per i costumi locali. Pantaloni lunghi e leggeri, anche acquistabili in loco a poco prezzo, sono un’ottima soluzione per tutti quanti. Generalmente si consiglia un’abbigliamento sportivo ed informale da indossare. Le scarpe possono essere leggere, meglio con suole grossolane, aumentando il grip, come scarpe sportive o da trekking leggere. Da marzo ad aprile e da settembre a inizio novembre le temperature sono miti e si può andare in giro in maglietta, ma mettete in valigia qualche capo caldo, tipo un pile o maglia calda, perchè la sera le temperature sono più fresche. Da maggio a settembre le temperature sono calde e si può andare in giro in maglietta e non servono capi caldi. Per la stagione dei monsoni sono imperative delle scarpe impermeabili, qualche ricambio in più per la pioggia e abiti leggeri. Durante l’inverno da metà novembre a metà-fine febbraio le giornate, se ben soleggiate, sono miti, per la sera e la mattina un pile o maglia ben calda o una giacca calda servono sempre, così come una sciarpa e un cappellino, perchè la sera le temperature sono più fresche, fra dicembre e gennaio anche fredde.

Viaggiare sicuri: scheda paese

Il video